Nephren-Ka – La grande guerre de L’épicé

I Nephren-Ka sono una macchina infernale proveniente dalla Francia, la classica band per la quale non appare fuori luogo il termine di “rullo compressore”. Il loro è un technical death […]

I Nephren-Ka sono una macchina infernale proveniente dalla Francia, la classica band per la quale non appare fuori luogo il termine di “rullo compressore”. Il loro è un technical death metal “invadente”, sparato fuori in completa e chirurgica velocità, totalmente indiavolato e massacrante, un’autentica chicca per gli adoratori della tecnica messa a favore della gloriosa e dissacrante brutalità.

Zero fronzoli, intensità perennemente palpabile, chitarre impazzite e tempestose con irrefrenabili sensazioni di traino-meccanico a fungere da indiscusse protagoniste. Il nuovo nato spinge agli eccessi, ben di più di quanto facesse l’esordio di tre anni prima The Fall of Omnius. Da una parte li riconoscerete sicuramente, mentre dall’altra non potrete far altro che notare la voglia di “strabordare” da certi limiti prima tenuti in qualche modo a bada.

La grande guerre de L’épicé è un lavoro che vuole entrare senza tentennamenti nelle viscere del malcapitato per poi lì implodere fragorosamente, non ci si nasconde, si mitraglia e massacra a più non posso, come se una giornata successiva non venisse minimamente contemplata. Poi, come se non bastasse verrà applicata al tutto una voce possente e protagonista, bellamente ingombrante e pachidermica, definitivo sinonimo o quel marchio d’estremismo sonoro che i Nephren-Ka sono intenzionati a lasciarci nel passarci di mano questa traboccante testimonianza.

Non si potrà fiatare lungo la tracklist (immaginatevi un bel cartello di divieto a riguardo), zero concessioni a momenti di riflessione o rallentamenti del caso (fatta forse eccezione per mezza Fenring’s Test), i Nephren-Ka in maniera chiara e irremovibile hanno imbastito un sound pronto a rigettare al mittente ogni parola o minaccia scagliatagli contro. Avanti per la strada scelta, senza tentennamenti e con paraocchi ben saldati addosso, con la seria voglia di far male posta a primeggiare.

Nonostante il tiro diretto La grande guerre de L’épicé si presta a crescere – e neppure poco- durante i diversi ascolti. Ci potrà essere l’iniziale smarrimento (anche se l’impronta apparirà subito chiara) del caso, ma dopo subentrerà una sorta di sadico piacere e l’affidamento completo alle ripetute flagellazioni sparate sgraziatamente in successione.

I Nephren-Ka sono un ascolto quasi obbligato per chi è solito non farsi bastare alcuni grandi nomi come il binomio Morbid Angel/Hate Eternal, i Nile più efferati o le veloci arguzie degli Origin.

About Duke "Selfish" Fog