Hooded Eagle – Nightscapes from the Abyssal Plane

La formazione america degli Hooded Eagle viene data oggi per sciolta, giusto il tempo di rilasciare l’album di debutto Nightscapes from the Abyssal Plane e poi “puff”. Il disco –uscito […]

La formazione america degli Hooded Eagle viene data oggi per sciolta, giusto il tempo di rilasciare l’album di debutto Nightscapes from the Abyssal Plane e poi “puff”. Il disco –uscito nel 2015- era uno di quei dischi death/black doom belli asfissianti ed “infiniti” (si fermava oltre l’ora e un quarto). Un lavoro che non accettava il minimo compromesso e andava dritto per la sua strada senza curarsi di avere uno “spettatore reale” in cabina di ascolto.

Da una parte è certamente lodevole il lavoro svolto (quando si guarda solo a ciò che si vuole realmente si fa il meglio a prescindere) ma dall’altra bisogna pure ammettere il fatto di come Nightscapes from the Abyssal Plane porti ad un facile senso di smarrimento, soprattutto a cavallo di una seconda parte più debole e dai tratti troppo indigesti.

Gli Hooded Eagle giocavano con i generi, mischiavano ritmiche lente e funeree con vocalizzi tormentosi per poi colpire a sorpresa con movimenti in stile depressive black metal (l’attacco di I Have Dreams.. mi pare emblematico a riguardo). Nulla da dire sulla opener There Is No Goodness Left in This World, un brano che esce molto bene sulla distanza lasciandoti con la voglia di proseguire a pulsare nelle vene.

Non si può recriminare nulla per la forma, sono solo i risultati a non uscire talvolta così “sperati”. Il disco si ferma ad un certo punto e non riesce più ad andare avanti, farà fatica, e quella difficoltà finirà per scaricartela tutta addosso (i 18 minuti di The Path of Eternal Sorrow rappresenteranno un vero e proprio scoglio agonizzante per quanto mi riguarda) con gli interessi.

Ma nonostante tutto non me la sento di andare sotto la sufficienza. Credo che l’habitat creato potrà da solo raggiungere e soddisfare un piccolo gruppo di persone capaci di “sostare” su Nightscapes from the Abyssal Plane a dovere (ma solo a patto di scendere dentro una condizione psicologica idonea). Non sempre al top, non sempre ispirati al 100%, ma con momenti meritevoli sparsi a reggere in piedi la baracca.

About Duke "Selfish" Fog