HellLight – …And Then, The Light of Consciousness Became Hell…

I brasiliani HellLight piazzavano nel 2010 un colpo non da poco, rendendo un po più “felice” l’ossequioso panorama doom metal internazionale. L’album prendeva il nome di …And Then, The Light […]

I brasiliani HellLight piazzavano nel 2010 un colpo non da poco, rendendo un po più “felice” l’ossequioso panorama doom metal internazionale. L’album prendeva il nome di …And Then, The Light of Consciousness Became Hell… e puntava le movenze su un sopraffino ed impattante funeral doom metal (ma non solo quello).

L’ostacolo primario è senza dubbio alcuno da riscontrare nella sua durata, anche se siete soliti amare ed ascoltare il genere con le sue bands principali non è detto che l’avventura con questo disco sia in rimando “rose e fiori”. I fianchi vengono ben lavorati con insistenza ed una certa preparazione sarà puntualmente richiesta. Ma questo allarme non dovrà preoccupare troppo, non è da prendere come aspetto negativo, anche se una “scrematura” dovrà per forza di cose essere svolta, solo passandoci attraverso si potrà arrivare al vero “nucleo”, al vero valore. I sei brani arrivano più volentieri al quarto d’ora di durata piuttosto che ai dieci minuti, già qui possiamo intuire il tipo di percorso che avremo di fronte. Proprio per tal motivo solamente i fanatici reali del genere potranno trarre beneficio da questo “supplizio” sonoro ben articolato, ottimamente servito, ed eseguito con fermezza e “diversità” non comuni.
Questa diversità risiede nell’apparire su forma e sostanza completamente funeral doom, ma sarà l’aspetto epico, a suo modo sognante e sacrale a prenderci per mano, a fornirci un sommesso entusiasmo. Posso immaginare una distesa di volti perplessi davanti a questa descrizione, la migliore risposta sta nell’inforcare …And Then, The Light of Consciousness Became Hell…, per testarlo sulla propria pelle come un marchio rovente, esporsi senza resistenza alle laceranti note e farsi rapire con loro.

Tastiere sullo sfondo a conferire atmosfera, solennità ed innalzamento, il growl è profondo ed incantatore, perfetto mestierante ed interprete di passaggi oscuri, sacri ed opprimenti. Le chitarre  echeggiano potenti e “piene”, la loro spinta è essenziale nell’aprire varchi alla voce pulita, ben dosata (presente su tre canzoni su sei) e fornitrice di chiari segni/momenti incredibilmente indelebili (chi segue e venera i Void Of Silence dovrebbe ascoltare questo disco solo per questi interventi).
Non c’è un solo calo nei sei capitoli, l’inziale The Light That Brought Darkness è forse quella più “easy” (parola da prendere con almeno tre pinze in tal caso), quasi come a dire “prima vi diamo un contentino e poi vi affondiamo senza pietà”. Downfall Of The Rain (romantica nella sua melodia pianistica), Children Of Doom (bellissima e dal grande “ritornello”) e Beneath The Light Of The Moon comprimeranno completamente l’ascoltatore senza curarsi di una sua effettiva o eventuale ripresa. Soaring Higher (tonfi liturgici) e The Secrecy vedono il ritorno del cantato pulito, sprazzi “d’elevazione” ed eleganza la fanno da padroni, senza mai omettere un certo senso “d’opacità” regnante.

Adatto per i momenti di riflessione, per staccare o più semplicemente per passare un ora e venti circa di buona musica. Spero che …And Then, The Light of Consciousness Became Hell… possa raggiungere più cuori possibile, anche a distanza di diversi anni dalla sua uscita, non è mai troppo tardi per ripescare lavori così meritevoli, così in grado di rallentare meticolosamente il tempo. HellLight, bravi su tutta la linea.

About Duke "Selfish" Fog