Gravecoven – Coughing Blood

Partire facendo il botto, è questo che nel loro piccolo sono riusciti a fare gli americani Gravecoven. I due demo a nome Coughing Blood (usciti nel 2015 e 2016) sono […]

Partire facendo il botto, è questo che nel loro piccolo sono riusciti a fare gli americani Gravecoven. I due demo a nome Coughing Blood (usciti nel 2015 e 2016) sono stati “raccolti” e stampati dignitosamente dalla polacca Godz Ov War Productions, etichetta che ha riposto il tutto in un grazioso ed essenziale digipack.

La musica presentataci su Coughing Blood è pura ecatombe, è una tempesta perfetta sul come una formazione si deve presentare ai nastri di partenza per un percorso ideale in territorio death metal. Il sound rapisce, trasporta, annichilisce senza bisogno di formulare ulteriori domande. Hanno messo il piede nel posto giusto i Gravecoven e ogni fottuto pezzo di questo ep sta li a dimostrarlo con fierezza centuplicata.

Venti minuti per razziare e spargere il male possibile, saremo schiavizzati da chitarre corpose, che vanno a comporre una muraglia sonora di gusto e glorioso effetto. La gutturalità vocale trova al suo interno il suolo ideale per germogliare in tutto il suo rancido rancore per un puro sconquassante spettacolo.

Pala in mano e giù a scavare sino a dove le forze lo permettono, avvolti da un’oscurità permanente, pronta a sferrare voraci attacchi dietro ogni piccolo secondo. Si scende attraverso una tracklist di quattro brani, una tracklist inaugurata dalla fetida Summoning Vengeance e proseguita (ormai sulle ali dell’entusiasmo) dal “magico rullo” di Furios Fires (incredile a livello vocale!) e dalle grandiose Spiritual Violence (quella melodia sulla strofa è nient’altro che saggezza) e The Ecstasy of Hatred (la più estesa e con prepotenti influenze black metal).

Davanti alla copertina di questo Coughing Blood è vietato passare altre. Il male in carne e musica, un ep di peso.

About Duke "Selfish" Fog