Enoquian – Llamas de gloria primera

Ossessivo e spoglio black metal dai primordi per gli argentini Enoquian. Il loro disco di debutto è uscito sul finire 2017 e si intitola Llamas de gloria primera. Questo lavoro […]

Ossessivo e spoglio black metal dai primordi per gli argentini Enoquian. Il loro disco di debutto è uscito sul finire 2017 e si intitola Llamas de gloria primera. Questo lavoro non offre di certo spunti per il provvidenziale “strappo di capelli”, ma quantomeno funge da onesto e indolore passatempo, insomma di quel tipo che sempre ti aspetti da un pò di sana ignoranza Sudamericana.

Si parte dalla scuola Possessed/Slayer per un timbro thrash che sembra voler insozzare bene bene gli anfratti per passare a quella più “incollata” alla Hellhammer, anello di congiunzione con tutti quei gruppi che solo soliti riempire  le nostre orecchie con le più efferate nefandezze sonore.

Il limite di questo Llamas de gloria primera e degli Enoquian in generale è quello di non riuscire ad uscire da una certa staticità di fondo, discorso che farà calare l’entusiasmo dopo un magari scoppiettante ed ingannevole inizio. Sicuramente chi naviga con assoluta sicurezza sopra il mare dell’underground più cupo riuscirà a cavare fuori le sue positività di fondo, ma d’altro lato diventa difficile alla fine non tener conto di una qualità che fatica a decollare nonostante l’impegno profuso da una “maledetta” quanto famelica radice.

I brani vanno sul sicuro, badano a seguire determinati binari senza offrire mai guizzi in grado di svegliarti da un torpore che diventerà fidato compagno. Ci provano gli Enoquian ma tutto non arriva infine alla sperata destinazione, per adesso rimandati (siamo pur sempre di fronte al debutto ufficiale suvvia) anche se non ci troviamo di fronte ad un prodotto così insopportabile come riscontrato in occasioni definibili come simili.

Buono il lavoro svolto dal binomio Satanath Records/Morbid Skull Records anche se ciò relega gli Enoquian sotto quella categoria “fastidiosa” dove la confezione finisce per valere più del suono. Un puntello per inguaribili collezionisti insomma.

  • 55%
    - 55%
55%

Summary

Satanath Records / Morbid Skull Records (2017)

Tracklist:

01. Poderes perdurables
02. Llamas de gloria primera
03. Extremo erróneo
04. Esclavizando al maestro
05. Herencia terrena
06. Destructores del ser
07. Control trapezoidal
08. Equilibrio

About Duke "Selfish" Fog