Ars Moriendi – Sepelitur Alleluia

Quarto capitolo discografico per il monicker francese Ars Moriendi, un nome che prosegue il suo percorso in maniera composta, senza curarsi di ciò che attorno –freneticamente- avviene. Atmosfere bloccate e […]

Quarto capitolo discografico per il monicker francese Ars Moriendi, un nome che prosegue il suo percorso in maniera composta, senza curarsi di ciò che attorno –freneticamente- avviene. Atmosfere bloccate e dal taglio gelido/penetrante per mezzo di un black metal che ama spesso guardarsi allo specchio durante l’esecuzione delle sue fitte, lunghe e tortuose trame (conteremo cinque brani per circa 53 minuti di durata).

Sepelitur Alleluia si presenta per mezzo di possenti cavalcate, andamenti che proveranno a farci sentire un pò di tutto fra “spinte diaboliche”e momenti d’atmosfera gestiti al meglio da tastiere dal sapore “secolare”, una nebbiolina persuasiva gestita al meglio ma soprattutto sempre a favore dell’avanzamento del brano intrapreso.

L’ingresso dentro questa boscaglia ha certamente qualcosa di “sacro” da spargere ai quieti/pazienti venti, la sensazione è quella di muoversi all’interno di un luogo osservato da mille e mille occhi e solo un’adeguata preparazione ad un tipo di musica mai scontato eppure mai veramente “sopra le righe” saprà portare i frutti tanto sperati. Si combatte all’interno delle composizioni create dagli Ars Moriendi, si combatte dentro quel trambusto interiore che dovrà essere giocoforza gestito saldamente prima di arrivare alla meritata “uscita”. Sepelitur Alleluia diventa prima di tutto una partita con noi stessi prima di quella con il creatore diretto di queste “rafferme” note. Solo una propositiva esposizione al prodotto riuscirà a portare alla completa soddisfazione poiché di momenti per i quali “dover resistere” c’è discretamente pieno anche se a conti fatti risultano meno determinanti rispetto al precedente La singulière noirceur d’un astre che rimane qualche spessa spanna sopra.

Si avverte quantomeno una certa maturazione aldilà di tanti discorsi, non possiamo di certo nasconderci o lasciar passare il discorso come un passo indietro (se lo è nel risultato non lo è per certe sensazioni di spicco), Sepelitur Alleluia appaga il giusto e lo fa bene, non sarà perfetto in tutte le sue esalazioni ma resta certamente un ascolto per il quale spendere una giusta porzione di tempo.

About Duke "Selfish" Fog