Mandatory – Cataclysm

Dopo un primo full datato 2009 (nome: Carbon Black) è tempo per gli austriaci Mandatory di tornare a fare qualche giro in pista. I nostri rilasciano purtroppo un ep privo […]

Dopo un primo full datato 2009 (nome: Carbon Black) è tempo per gli austriaci Mandatory di tornare a fare qualche giro in pista. I nostri rilasciano purtroppo un ep privo di mordente, un prodotto che vorrebbe colpire con irruenza, graffiare sensibilmente per poi stupire attraverso soluzioni pulite, sono avvicinabili in maniera più che concreta all’operato di gente “contaminata e melodica” come Soilwork, Sonic Syndicate ed In Flames ma senza avere purtroppo la medesima ispirazione (nemmeno quella di “cosa” sono diventati negli anni). Non ci vuole molto per capire a che tipo di prodotto ci troviamo di fronte, le quattro canzoni di Cataclysm sono “leggere”, se vogliamo anche simpatiche, ma lasciano dentro un buco dentro la pancia in completo “stile digiuno”, un qualcosa d’altamente preoccupante. A salvare la baracca rimane solamente l’opener Condition Zero (se girate trovate pure il video) dove i Mandatory riescono ad azzeccare il tiro alla bene e meglio. I restanti tre pezzi si trascinano stancamente fra eccessiva leziosità e incapacità di saper prendere o rapire con risolutezza l’ascoltatore per poi finalmente riuscire a dargli del tu (manca completamente il mordente si può dire). Nemmeno le voci pulite in questo caso riescono a salvarci dall’impellente naufragio, non riescono nel restare impresse in testa come solitamente accade, ma anzi, contribuiscono pesantemente ad affossare il prodotto ancora più in basso di quanto si poteva pensare.

E’ sempre un peccato parlare così malamente di un prodotto dove fatica e speranza sono sicuramente riposte attraverso tenacia e voglia di fare. Ma  pure mettendoci tutto il cuore a disposizione non riesco a farmi scendere nemmeno una striminzita sufficienza per questo ep. 17 minuti ancora acerbi, d’esplorazione, forse la formazione austriaca deve ancora capire cosa vuole esattamente suonare e come fare per raggiungerlo. Per il momento posso solamente applicare il classico bollino in versione negativa , un “red alert” impossibile da ignorare.

About Duke "Selfish" Fog